Site Requires Javascript - turn on javascript!

Da Cairns a Mackay in 14 giorni

Trovato il paradiso: squaglierai Instagram nel tuo viaggio lungo la Grande Barriera Corallina, dal tropicale Queensland Settentrionale fino alle isole Whitsundays. 


COSA ASPETTARSI

  • Un'isola tutta tua: passa la notte sulla barriera a bordo di una zattera ancorata in mezzo all'oceano
  • Scegli la tua avventura: naviga attraverso le Isole Whitsunday fra balene, tartarughe marine e delfini
  • E per gli amanti del brivido: vivi la tua scarica di adrenalina con il jet ski e il banana boating sulla Airlie Beach

IL VIAGGIO IN PILLOLE

Durata: 14 giorni
Mezzi di trasporto: auto e aereo
Prezzo: $$$$

Sembra una cartolina, ma è vita vera. Vivi l'immenso blu della Grande Barriera Corallina, una delle più grandi meraviglie della natura, attraverso un viaggio in auto da Cairns alle Isole Whitsunday. Immergiti alla scoperta della barriera a Cairns e passa la notte su una zattera. Unisciti agli anziani Jirrbal nel Ingan Tour sulla Mission Beach per capire il profondo legame che unisce gli aborigeni alla propria terra. Passa due notti a bordo di una barca sulle Whitsunday, navigando attraverso le 74 isole dell'arcipelago, spassandosela con balene, tartarughe e delfini. 


Giorno 1: rilassarsi a Cairns

Atterra a Cairns dove la prima voce della lista è una passeggiata sul lungomare per godersi la vista dell'oceano. Mangia, bevi e fermati per un rinfrescante bagno nella laguna al centro della città. Sì, puoi contarlo come un bagno. Da venerdì a domenica puoi confonderti con quelli del posto al Rusty's Markets per fare il pieno di prodotti freschi a chilometro zero, inclusi frutti esotici, latticini e pesci da oltre 180 stand.

La sera, punta verso il Cairns Night Market, aperto 365 giorni l'anno e, come lascia intendere il nome, dalle 5 di pomeriggio alle 11 di sera. Concludi in rilassatezza con un economico massaggio terapeutico in uno dei tanti banchetti.   

Se invece avevi in mente un finale un po' più movimentato, Cairns è nota per i suoi bar brulicanti di escursionisti. Vai verso Spence Street per trovare pub mitici come il Gilligan’s e il The Jack.


Giorno 2: in campeggio sulla Grande Barriera Corallina

La mattina, è il momento di unirsi al tuo tour Sunlover by Starlight che ti accompagnerà in barca verso la barriera. Trascorrerai due giorni e una notte galleggiando sulla zattera di Moore Reef, facendo immersioni, snorkeling e immersioni con il casco da palombaro. E poi, sì, dormirai sull'acqua. Vedrai che facce quando glielo racconterai a casa.

Localizzata 40 chilometri al largo della costa, sulla Barriera Esterna, dalla zattera Moore Reef puoi ammirare il tramonto e farti una bevuta con i tuoi amici. Dal crepuscolo in poi, potrai goderti una cena di barbecue oltre alla magnifica volta celeste dell'emisfero australe. Ti sembrerà di toccare con mano la Croce del Sud, i pianeti e la Via Lattea, prima che il dolce sciabordio dell'acqua sulla barriera ti possa conciliare il sonno.


Giorno 3: molto di più sul Moore Reef

Immagina di essere Kevin Costner in Waterworld e svegliati con un'alba spettacolare sopra la zattera di Moore Reef. Non perdere troppo tempo con la colazione prima che un'altra giornata di avventure sulla Barriera prenda slancio.

Vai alla ricerca di Nemo tra oltre 1.500 specie di pesci che popolano la Barriera, come i pesci pagliaccio, i colorati pesci angelo, i pesci pappagallo e gli enormi labri.

Se il tempo per te è tiranno, non perderti l'escursione giornaliera al Moore Reef. L'escursione include quattro ore attraccati alla zattera per avere tutto il tempo per fare snorkeling, una gita in barca dal fondo trasparente e momenti passati a sfamare i pesci. Sulla zattera non manca un solarium (abbronzatura, arrivo!) e l'unico acquascivolo intrecciato di tutta la Barriera. Esatto, hai letto benissimo.

Ritorna a Cairns per una serata rilassante all'insegna di fish and chips da gustare all'aperto con una birretta, o anche otto.


Giorno 4: nel dubbio, buttati sui Tropici

Ogni tanto, una coccola a se stessi ci sta bene. Per questo, recati nei tanti bar di Cairns specializzati in cibi salutari. Tanti saluti dal Snoogies Health Bar e dal Fusion Organics, pronti a offrirti succhi supervitaminici e un'infusione di bontà prima di rispedirti all'avventura. Dì sayonara a Cairns prima di avviarti verso la regione delle Southern Tablelands, fermandoti a Millaa Millaa. Potrai cantare un pezzo delle TLC che si abbina alla perfezione con le cascate di Millaa Milla, accessibili tutto l'anno tramite un comodo sentiero.

Arrivando nella città costiera di Mission Beach, pernotta al Jackaroo Treehouse Mission Beach Hostel: una vera e propria casa sull'albero incastonata nello splendido scenario tropicale della foresta protetta del North Queensland. Caro Tarzan, zitto e rosica! 


Giorno 5: esperienza aborigena con la Ingan Tours 

Unisciti allo staff di Ingan Tours che ti potrà condurre a Tully, per un'illuminante esperienza aborigena con il popolo Jirrbal.

Inizia il tuo tour con un'escursione guidata che ti aiuterà a decifrare l'ambiente della foresta, fino all'incredibile stagno curativo. Tuffati nelle acque cristalline di Echo Creek mentre la tua guida ti narra la storia di Yunba (il pitone nero acquatico) e di come questa divinità guarisse malati e feriti.

Per finire con gusto, la tua guida ti preparerà il tè da campo e pane fatto in casa. In più potrai cimentarti nell'intrecciare un braccialetto fatto di fibre raccolte direttamente nella foresta. Quando si dice, un souvenir fai-da-te.

Un consiglio spassionato per i sbarbati: indossate scarpe comode e robuste e portatevi cappello, crema solare, acqua da bere e qualche snack.

Di ritorno all'ostello dopo una giornata impegnativa, il Jack’s Jungle Bar situato all'interno sarà la tua valvola di sfogo. Di cosa, lo lasciamo a te. 


Giorno 6: parti all'avventura con il Rafting sulle rapide

Pronto a tirare fuori la tua anima sportiva? Oltre alle vibrazioni rilassanti emanate da Mission Beach e della sua costa, la regione è nota anche per il suo lato più avventuroso. Ci si può lanciare in paracadute direttamente sulla spiaggia, o bagnarsi nelle acque del fiume Tully, a 45 minuti da Mission Beach, per attività tanto bagnate quanto adrenaliniche.

La mattina, recati al Raging Thunder per una discesa in rafting a rotta di collo fra le rapide che squarciano in due una foresta tropicale Patrimonio dell'Umanità. Te la spasserai, garantito.

Per non far preoccupare mamma e papà, gli istruttori ti daranno tutte le informazioni necessarie prima di bagnarti, quindi, non ti serve essere un esperto di rafting. Fai in modo però di indossare scarpe robuste, un costume, crema solare e un cambio asciutto. Ah, dimenticavo, anche una borsetta a prova d'acqua per il tuo smartphone.


Giorno 7:  vivi la vita isolana

Saluta Mission Beach e sali in macchina per raggiungere Townsville la mattina presto. Per spezzare il viaggio di tre ore, suggeriamo una deviazione verso la foresta di Cardwell, nel Girringun National Park. La Cardwell Forest Drive offre 26 chilometri di percorsi scenici che includono una piscina termale naturale, pozze e cascate con fantastici posti per fermarsi a fare un picnic. Una fermata alla Cardwell "spa pool" è una doppietta picnic e tuffo. Le bolle emergono dal fondale del fiume per creare l'effetto di un idromassaggio, ma questa volta, gentilmente offerto dalla natura.

Prosegui per Townsville e parcheggia l'auto per raggiungere il traghetto che ti porterà a quel magnifico paradiso che risponde al nome di Magnetic Island. Traghetti giornalieri partono all'incirca ogni ora mentre i biglietti devono essere prenotati online in anticipo.

Magnetic Island è parte del Great Barrier Reef Marine Park, già Patrimonio Mondiale dell'Umanità. Ma al contrario delle altre isole della Barriera, coperte interamente da foreste tropicali, il paesaggio qui è tipico della fascia tropicale più secca, contraddistinto dalle foreste di eucalipto. Le acque sono stra-cristalline, i sentieri stra-lunghi, i koala e i wallaby, stra-amichevoli.

Il pomeriggio, esplora l'isola a piedi (o con lo sguardo, dalla comodità del tuo telo mare) per poi sistemarti al YHA Magnetic Island, nel cuore del Magnetic Island National Park, presso la cittadina di guarda-che-si-chiama-davvero-così Horseshoe Bay


Giorno 8: fauna selvatica e tuffi selvaggi

Dovresti svegliarti solo per vivere l'esperienza unica di una colazione con i koala, organizzata da Bungalow Bay ogni mercoledì, venerdì e domenica. È l'occasione per prepararsi un jaffle, il tipico panino australiano, cuocendolo su carboni ardenti mentre incontri koala, cuccioli di coccodrillo e anche serpenti.

Dopo la colazione, fatti dare dagli amichevoli addetti alla reception una mappa dell'isola e, con le loro indicazioni, saprai esattamente dove andare per assaporarne il meglio.

Ogni mese alla Magnetic Island si organizza il Full Moon Down Under party. A quelli del posto basta strizzare l'occhio per assicurarci che la festa è DA NON PERDERE. Anche se le loro parole esatte erano "da scompisciarsi".

Per un'avventura oceanica, vai di snorkeling proprio partendo dalla spiaggia, oppure, seguendo uno dei percorsi organizzati nelle Baie di Nelly e Geoffrey. L'isola vanta anche luoghi d'immersione di livello, come il relitto della SS Yongala, uno dei relitti da immersione più belli d'Australia e considerato uno dei primi cinque al mondo. 


Giorno 9: da Magnetic Island a Airlie Beach

Non trattenere le lacrime dicendo addio al tuo paradiso isolano, ma consolati sapendo di raggiungere presto un'altra bellezza naturale. Risali sul traghetto verso la terraferma e dirigiti a sud verso Airlie Beach. Airlie Beach è il cuore pulsante delle isole Whitsundays e la base operativa per un po' di divertimento e avventura.

Fai tua l'atmosfera tropicale e rilassata per entrare immediatamente in modalità vacanziera. Abbronzati, acquista, degusta. Anche perché è così che dovrebbero essere le vacanze. Per tuffarsi a bomba nella mentalità del luogo, salta a bordo di un tuk-tuk per un tour della città.


Giorno 10: la Airlie Beach acquatica e costiera

La mattina, punta in direzione del porticciolo di Abell Point per una serie di avventure acquatiche. Le opzioni comprendono escursioni in jet ski, rafting oceanico, kayak, banana boating o un giro sulla barca a idrogetto. Per strada, fai in modo di fermarti al Raw Bohemian Café per non perdere l'appetito.

Il sabato mattina puoi recarti ai mercatini nella parte meridionale della spiaggia, dove troverai arte e manufatti vintage del posto, frutta fresca, verdure e tanto altro ancora.

È il momento di concedersi una cena in un animato ristorante di pesce o qualche drink in uno dei tanti pub, e perché no, anche del karaoke. Magari, potresti anche trovare qualcuno di interessante con cui duettare. E se son rose, fioriranno.


Giorno 11: in vela fra le isole Whitsundays

Trovati un lavoro (più o meno). Sali su una nave scuola per un'esperienza immersiva nel mondo delle immersioni. Le Liveaboard diving experiences sono l'esperienza con la E maiuscola delle Whitsundays, capaci di abbinare fantastiche immersioni nella Grande Barriera Corallina mentre in barca a vela navighi fra i paesaggi da sogno di questo arcipelago.  

Due giorni e due notti vissuti su una barca a vela che naviga fra le 74 isole delle Whitsundays è lo scenario migliore per divertirsi con i tuoi compagni di viaggio e gli istruttori, mentre ve la spassate facendo immersioni fra gli scenari subacquei più suggestivi della Barriera. La nave dell'amore sta salpando?


Giorno 12: sole, vela, snorkeling

La seconda giornata di navigazione ti farà sentire come il re dell'arcipelago. Tu e la tua barca extralusso che fende le acque turchesi delle Whitsundays. Ma oltre alle immersioni e allo snorkeling, le avventure ti aspettano anche sulla terraferma.

Per il tuo sbarco trionfale sull'isola di Whitsunday, la più grande dell'arcipelago, abbiamo preparato una selvaggia escursione al suo interno, oltre al bianco che più bianco non si può della sabbia di Whitehaven Beach. È un posto così fotogenico che sarebbe un peccato presentarsi con la batteria scarica dello smartphone, non trovi?

Se non hai tempo per due giorni di navigazione, le opzioni per un'escursione di un giorno a Whitehaven Beach o alla Barriera, di sicuro non mancano. Se l'esperienza velistica non ti manca, prova il "bareboating", ovvero noleggiare uno yacht da guidare con il tuo equipaggio. Signorsì, signor Capitano. 


Giorno 13: parti per un safari dei coccodrilli

Fan di Crocodile Dundee, unitevi! È giunto il momento di uscire dalla finzione del grande schermo per scoprire questi folli rettili dal vivo. Ritornando ad Airlie Beach, passa il tuo ultimo giorno di viaggio in un'escursione sul fiume Proserpine grazie al Whitsunday Crocodile Safari. Se ti capita di osservare sulle sponde del fiume quei lucertoloni che sembrano appena usciti da Jurassic Park, ti avvisiamo che sono veri. Quindi, niente confidenze con loro.

Inclusi nell'escursione, pranzo con barbecue e una gita in trattore attraverso la giungla per scoprire tutti i segreti della selva australiana.

Per il tuo rientro ad Airlie Beach, il suo corso principale sarà il palcoscenico del tuo addio a questo paradiso tropicale, condito da qualche brindisi di commiato (notare il plurale, prego). Gli istruttori della nave scuola hanno la sana abitudine di prenotare un tavolo in città per un ultimo saluto ai loro allievi e compagni di avventure.

STORIE PIÙ POPOLARI

INFORMAZIONI SUL VISTO