Storia dell'Australia

Scopri la storia dell'Australia, che include la storia degli aborigeni, dei coloni britannici e la storia e la politica australiane dal XX secolo in poi, passando per la prima e la seconda guerra mondiale. Storia dell'Australia
Site Requires Javascript - turn on javascript!

Storia d'Australia

Scopri la storia dell'Australia, che include la storia degli aborigeni, dei coloni britannici e la storia e la politica australiane dal XX secolo in poi, passando per la prima e la seconda guerra mondiale.



Prime fasi della storia d'Australia 

La cultura più antica del pianeta giunta sino a noi è quella degli aborigeni australiani. Si ritiene che siano giunti qui via mare circa 50.000 anni fa.

All'epoca della colonizzazione europea, in tutto il continente vivevano circa un milione di aborigeni, dediti alla caccia e alla raccolta. Si dividevano in 500 diversi clan o "nazioni", e parlavano circa 700 lingue differenti. Ciascun clan era connesso spiritualmente alla propria terra, anche se si spostava molto per scambi commerciali, per trovare acqua e prodotti agricoli stagionali, e per ritrovi rituali. 

Nonostante la diversità delle loro terre, dal deserto dell'outback alla foresta pluviale tropicale fino ai monti innevati, tutti gli aborigeni credono nel Tempo del Sogno o "Tjukurrpa". Secondo la mitologia aborigena, gli spiriti antichi hanno forgiato tutti gli aspetti della vita e continuano a connettere il passato, il presente, le persone e la terra. Le storie del sogno descrivono i viaggi degli antenati spirituali e vengono narrate sotto forma di canti, danze, pitture e racconti.

Esistono molte opportunità per esplorare la cultura indigena d'Australia, in particolare nel nord dell'Australia. Fai un giro al Kakadu National Park, parco naturale di fama mondiale che ospita oltre 5.000 siti di pitture rupestri risalenti a 20.000 anni fa. Oppure unisciti a una camminata "Tempo del Sogno", guidata dagli aborigeni Kuku Yalanji, attraverso le lussurreggianti foreste pluviali di Mossman Gorge, 80 km a nord di Cairns.

Colonizzazione britannica dell'Australia

Nel XVII secolo diversi esploratori europei navigarono lungo la costa australiana, allora conosciuta come Nuova Olanda. Ma fu solo nel 1770 che il Capitano James Cook raggiunse la costa orientale e la rivendicò come proprietà britannica. Il nuovo avamposto venne utilizzato come colonia penale e il 26 gennaio 1788 arrivò al porto di Sydney la Prima Flotta di 11 navi, che trasportava 1.500 persone (metà delle quali galeotti). Quando terminarono le deportazioni, nel 1868, in Australia erano arrivati più di 160.000 detenuti, tra uomini e donne.

I coloni liberi cominciarono ad arrivare attorno al 1790, ma la vita per i prigionieri era dura. I detenuti di sesso maschile colpevoli di recidiva venivano brutalmente flagellati e potevano essere impiccati per reati minori come il furto. Gli uomini erano notevolmente in sovrannumero rispetto alle donne in un rapporto di 5 a 1, per cui le donne vivevano sotto costante minaccia di sfruttamento sessuale. 

La colonizzazione dell'Australia aveva avuto un impatto devastante sugli aborigeni, che erano stati espropriati delle proprie terre, che cominciarono ad ammalarsi e morire per malattie introdotte dai nuovi arrivati, e avevano assistito a uno stravolgimento del proprio stile di vita, e di usi e costumi tradizionali. 

I coloni si diffondono in tutto il continente

Verso il 1820, molti soldati, ufficiali e rei riscattatisi avevano trasformato le terre ricevute dal governo in fiorenti fattorie. Le notizie dilaganti sui terreni a poco prezzo in Australia e l'abbondanza di lavoro portavano sempre più immigrati provenienti dalla Gran Bretagna. I coloni cominciarono a spostarsi sempre più nei territori degli aborigeni, spesso armati, in cerca di pascoli e acqua per il proprio bestiame.

Nel 1825, un gruppo di soldati e detenuti si stabilì nel territorio dei Yuggera, vicino all'odierna BrisbanePerth venne colonizzata da gentiluomini inglesi nel 1829, e nel 1835 un colono navigò verso la Baia di Port Phillip e scelse il luogo per Melbourne. Contemporaneamente, una società privata britannica, fiera di non avere legami con condannati, si insediò ad Adelaide nel South Australia.

La febbre dell'oro porta benessere, immigrati e ribellione

L'oro venne scoperto nel New South Wales e nel centro di Vittoria nel 1851, attraendo migliaia di speranzosi provenienti da altri stati. Ad essi si unirono orde di cercatori d'oro giunti via mare dalla Cina e un'eclettica massa di intrattenitori, gestori di taverne, trafficanti di liquori di contrabbando e ciarlatani da tutto il mondo.

Nello stato di Vittoria, il governatore britannico impose licenze minerarie per i lavoratori dei giacimenti auriferi, e questo portò alla violenta lotta antiautoritaria dell'Eureka Stockade del 1854. I minatori persero la battaglia, ma ottenere più diritti e nel 1854 passò una legge che dava il diritto di voto e di candidarsi al Parlamento a ogni addetto agli scavi in possesso di licenza di minatore. Molti storici considerano questo periodo l'inizio della democrazia australiana.

L'Australia diventa una nazione 


I sei stati dell'Australia diventano una nazione con un'unica costituzione il 1° gennaio 1901. Oggi la comunità australiana è composta da persone di oltre 200 paesi, e nelle case australiane si parlano più di 300 lingue.

Gli australiani vanno in guerra

La prima guerra mondiale ebbe un effetto disastroso sull'Australia. C'erano meno di tre milioni di uomini nel 1914, e di questi circa 420.000 partirono volontari per servire in guerra. Si stima che ne morirono circa 60.000, e decine di migliaia vennero ferite durante i combattimenti. Il governo australiano reagì istituendo il "Soldier Settler Scheme" che prevedeva la concessione di terreni agricoli e denaro ai soldati di ritorno in patria.

La fine della guerra preannunciava gli "anni ruggenti" (anni '20 del XX secolo) e un turbinio di auto nuove, il jazz americano e i film americani, così come il fervore per l'impero britannico. Quando nel 1929 arrivò la grande depressione, le divisioni sociali ed economiche si fecero più profonde e molte istituzioni finanziarie australiane fallirono. Lo sport era il diversivo nazionale e gli eroi dello sport, come il vincente cavallo da corsa Phar Lap e il giocatore di cricket Donald Bradman, acquisirono uno status semimitico.

Durante la seconda guerra mondiale, le forze australiane fornirono un contributo importante alla vittoria degli alleati in Europa, Asia e nel Pacifico. Nella generazione che aveva combattuto ed era sopravvissuta era nato un sentimento di orgoglio.

Arrivo di nuovi australiani attirati dalla prosperità postbellica

Durante la guerra, molte nuove occupazioni si aprirono alle donne, e il numero delle lavoratrici crebbe velocemente. Quando finì la seconda guerra mondiale nel 1945, arrivarono in Australia centinaia di migliaia di migranti da tutta Europa e dal Medioriente. Molti di loro trovarono lavoro nel comparto manifatturiero in espansione. 

L'economia dell'Australia fiorì negli anni '50, con importanti progetti di costruzione a livello nazionale, come l'impianto idroelettrico delle Snowy Mountains e la Sydney Opera House. Aumentò la domanda internazionale delle principali esportazioni australiane di metalli, lana, carne e farina, facendo prosperare anche l'Australia extraurbana. Le proprietà immobiliari acquistate come abitazioni aumentarono significativamente da un 40% scarso del 1947 a oltre il 70% degli anni '60.

I cambiamenti politici in Australia

Gli australiani vennero travolti dall'atmosfera rivoluzionaria degli anni '60 del XX secolo. La nuova diversità etnica dell'Australia, la crescente indipendena dalla Gran Bretagna e la diffusa opposizione alla Guerra del Vietnam furono elementi che contribuirono a un'atmosfera di cambiamento politico, economico e sociale.  

Nel 1967, gli australiani votarono "sì" a gran maggioranza, in un referendum nazionale per lasciar legiferare il governo federale per conto degli aborigeni australiani e includerli nei censimenti successivi. Il risultato fu il culmine di una forte campagna riformista sia da parte degli aborigeni sia da parte degli australiani bianchi.

Nel 1972, venne eletto al potere il partito laburista australiano, con a capo l'idealista Gough Whitlam, ponendo fine al dominio avvenuto nel dopoguerra della coalizione del partito liberale e del partito nazionale. Nei tre anni successivi, il suo nuovo governo mise fine al servizio militare obbligatorio, abolì le tasse universitarie, introdusse un sistema sanitario universale gratuito, abbandonò la politica dell'Australia bianca, abbracciò il multiculturalismo e introdusse il divorzio senza colpa e la paga equa per le donne. 

Tuttavia, verso il 1975, l'inflazione e uno scandalo portarono il governatore generale a destituire il governo. Nella successiva elezione generale, il partito laburista subì un'importante sconfitta e la coalizione liberalnazionalista governò fino al 1983.

Dagli anni '70 del XX secolo: Politica in Australia

Tra il 1983 e il 1996, i governi laburisti Hawke-Keating hanno introdotto una serie di riforme economiche, ad es. la deregolamentazione del sistema bancario e la fluttuazione del dollaro australiano. 

Nel 1996, un governo di coalizione guidato da John Howard ha vinto le elezioni generali ed è stato rieletto nel 1998, 2001 e 2004. Il governo di coalizione liberalnazionale ha approvato diverse riforme, tra cui cambiamenti nell'imposizione fiscale e nei sistemi delle relazioni industriali. 

Nel 2007, il partito laburista con a capo Kevin Rudd è stato eletto con il programma di riformare il sistema di relazioni industriali in Australia, di ridurre le emissioni di gas effetto serra e di implementare un programma di istruzione nazionale. Tre anni più tardi, Rudd lascia il posto a Julia Gillard, che diventa la prima donna in Australia a ricoprire il ruolo di Primo Ministro.

Nel 2013, si insedia il nuovo governo di coalizione, guidato da Tony Abbott. Nel settembre 2015, Abbott viene sconfitto ai voti per la leadership di partito da Malcolm Turnbull, che è stato rieletto in un'elezione generale nel luglio 2016.

Programma il tuo viaggio in Australia

Tipo di struttura
Categoria dell'hotel
Gamma di prezzi
Genere
Piatto principale

I prezzi sono indicativi.

Licenza per la vendita di alcolici
OPS! Attualmente i risultati della ricerca non sono disponibili. Siamo spiacenti per l'inconveniente. Riprova più tardi.
loading