I migliori ristoranti in cui provare l'autentico cibo australiano

Alcuni degli ingredienti più nuovi che finiscono sulle tavole dei ristoranti australiani in realtà hanno radici millenarie e gli chef australiani trovano ispirazione nel giardino fuori casa. Quel giardino, però, si estende su oltre 6,5 milioni di chilometri quadrati, quindi lo spazio a disposizione non manca. Come gli aborigeni australiani sanno da 40.000 anni, questo vasto e arido paese ospita innumerevoli piante selvatiche, erbe, semi e bacche autoctone che prosperano nelle sei stagioni climatiche riconosciute dalla cultura aborigena. I visitatori possono ora assaggiare i risultati di questa ispirazione sui tavoli dei ristoranti più disparati, dai più raffinati fino ai pub di campagna nell'outback. Eccone solo alcuni. I migliori ristoranti in cui provare l'autentico cibo australiano
Site Requires Javascript - turn on javascript!

I migliori ristoranti in cui provare l'autentico cibo australiano

Alcuni ingredienti secolari hanno dato vita a una cucina nuova e coraggiosa, con le piante autoctone australiane al centro del palcoscenico.


Alcuni degli ingredienti più nuovi che finiscono sulle tavole dei ristoranti australiani in realtà hanno radici millenarie e gli chef australiani trovano ispirazione nel giardino fuori casa. Quel giardino, però, si estende su oltre 6,5 milioni di chilometri quadrati, quindi lo spazio a disposizione non manca. Come gli aborigeni australiani sanno da 40.000 anni, questo vasto e arido paese ospita innumerevoli piante selvatiche, erbe, semi e bacche autoctone che prosperano nelle sei stagioni climatiche riconosciute dalla cultura aborigena. I visitatori possono ora assaggiare i risultati di questa ispirazione sui tavoli dei ristoranti più disparati, dai più raffinati fino ai pub di campagna nell'outback. Eccone solo alcuni.

Billy Kwong,
Sydney, NSW

I ristoranti più tipicamente australiani del Nuovo Galles del Sud

Billy Kwong, Sydney

L'evangelista culinaria e proprietaria/chef Kylie Kwong ha sviluppato uno stile gastronomico tipicamente australiano-cinese. "Il Billy Kwong offre ai propri clienti l'Australia sul piatto", dice. "Per me, questo significa integrare gli straordinari ingredienti autoctoni di questo paese nei classici piatti cantonesi della mia eredità culturale". Per i clienti, questo significa wonton di gamberi e grilli con salsa di peperoncini dolci, sontuose frittelle verdi di atreplice e wallaby caramellato e brasato al vino con fagioli neri e peperoncini, da gustarsi seduti su uno sgabello in un locale asiatico moderno casual/chic. I critici sono estasiati e le code escono dalla porta e si allungano in strada.

Momofuku Seiobo
, Sydney

Quando il famoso chef newyorchese David Chang ha aperto il suo primo ristorante fuori dagli Stati Uniti, più precisamente a Sydney, nel 2012, aveva una semplice missione: sfruttare l'abbondanza offerta dall'Australia. Siedi su uno sgabello al banco disposto attorno alla cucina, sotto i poster in bianco e nero degli AC/DC, e dai un'occhiata al menù: troverai ancora i classici involtini di pancetta di maiale al vapore del Momofuku, ma molto probabilmente lo chef Ben Greeno ti proporrà anche gamberi d'acqua dolce locali dal sapore leggermente dolciastro con alghe e salsefrica oppure un dessert di gelato al malto ravvivato dalla croccantezza della meringa filata. "Dobbiamo conoscere gli ingredienti disponibili in natura e dobbiamo usare quanto abbiamo a disposizione", afferma Chang. "Spero di arrivare al punto in cui tutti in questo paese inizieranno a cucinare canguro e wallaby. Questo deve essere un obiettivo a lungo termine."

Biota, Bowral

In una sonnolenta cittadina rurale situata nei lussureggianti altipiani del Nuovo Galles del Sud, l'ex chef metropolitano James Viles combina, nel Biota, cucina high-tech a un profondo impegno a servirsi di ingredienti locali, comprese le anatre e le oche che pascolano fuori dal locale, attorno a uno stagno in stile Disneyland. Gli ingredienti indigeni sembrano essere componenti naturali, integrali e armoniosi di piatti come il manzo glassato alla melassa con atreplice, bacche e porri nativi e seppie cotte nel proprio inchiostro, con crema di ostriche ed emulsione di lattuga di mare. Nell'esperienza non mancano un bar rinomato e un mercato agricolo mensile.

Bentley Restaurant + Bar
, Sydney

Nascosto in un maestoso edificio storico a soffitti alti nel cuore di Sydney, il Bentley, guidato dall'instancabile creatività dello chef Brent Savage, risponde al richiamo della natura. Prova il raro filetto di canguro disteso su una brillante e densa salsa di ribes e il dessert di cioccolata con le bolle con gelato alle foglie di fico e lemon aspen, molto apprezzato dagli avventori in pausa pranzo e da quelli eleganti della cena.

Prairie Hotel,
Flinders Ranges, SA

I ristoranti più tipicamente australiani dell'Australia Meridionale

Orana, Adelaide

Al piano di sotto c'è lo Street-ADL, il bar moderno e dinamico dello chef/proprietario originario di Glasgow Jock Zonfrillo, dove puoi berti una birra gelata (coldie) con un sandwich (sarnie) di canguro brasato a fuoco lento. Al piano superiore c'è l'Orana, un intimo e raffinato ristorante da 25 coperti ispirato alla costante ricerca e immersione di Zonfrillo negli ingredienti autoctoni e nella cultura indigena. Comincia con le croccanti foglie di atreplice fritte e le capesante della Kangaroo Island con erba cristallina salata, poi passa al manzo wagyu ricoperto da una verdissima erba amara e granchio del fango fresco abbinato a fichi carta vetrata e piselli selvatici. Un'esperienza gastronomica australiana evocativa, sensoriale e moderna.

The Prairie Hotel, Flinders Ranges

Situata a cinque ore di macchina da Adelaide, "dove il deserto incontra le Flinders Ranges", Parachilna ospita una popolazione di appena sette persone, ma assiste a un costante flusso di visitatori al The Prairie, della famiglia Fargher, proclamatosi "hotel di tendenza nell'outback". Concediti una birra locale e la famigerata grigliata mista selvatica con filetto di canguro, emù, salsiccia di cammello e soffice purea con glassa al vino rosso e foglie di peperoncino, seguiti da una crumble pie al quandong.

Charcoal Lane,
Melbourne, VIC

I ristoranti più tipicamente australiani del Victoria

Attica, Melbourne

Il proprietario/chef Ben Shewry va costantemente alla ricerca di alghe ed erbe selvatiche e coltiva due notevoli orti vicino al suo elegante ristorante suburbano dell'entroterra, l'Attica, che ha meritato il 21° posto nell'elenco dei 50 migliori ristoranti del mondo del 2013. "La dispensa di ingredienti autoctoni dell'Australia ci offre le materie prime per una cucina molto speciale ed esclusiva", dice, servendo wallaby della Flinders Island con scaglie di araucaria, purea di noci di macadamia, cicoria, begonie e bacche terrestri e l'altisonante piatto di "Frutti nativi dell'Australia", una macedonia agrodolce di lillypilly, prugne Illawarra, quandong in camicia, fiori di rosella canditi, muntrie, ribes e prugne di Davidson.

Charcoal Lane, Melbourne

Questo ristorante suburbano informale dell'entroterra opera anche come programma sociale di Mission Australia e offre ai giovani aborigeni ospitalità, formazione, competenze ed esperienze in cambio di manodopera. Di conseguenza, il Charcoal Lane offre un'esperienza culinaria esclusiva con piatti stagionali arricchiti da ingredienti autoctoni, come l'agnello con atreplice in crosta di dukkah con cuscus di lillypilly e foglie di peperoncino e il budino di mele e bacche di muntrie al vapore.

Greenhouse,
Perth, WA

I ristoranti più tipicamente australiani dell'Australia Occidentale

Greenhouse, Perth

Il Greenhouse, un'invenzione dell'artista, costruttore e ambientalista di origini olandesi Joost Bakker, è basato tanto su scelte ambientali sostenibili quanto su una cucina rustica e genuina ed è situato in una delle zone più alla moda della città. L'orto pensile fornisce erbe e verdure, i mobili sono riciclati e ricostruiti in loco, l'isolamento è procurato da balle di fieno e tutti i rifiuti sono compostati. È l'ambiente adatto per l'interpretazione seria ma informale della cucina contemporanea da parte dello scarmigliato chef Matt Stone, fortemente influenzata dai sapori indigeni di provenienza locale. Il raro filetto di canguro è abbinato a mele native, acetosa e kohlrabi, e il barramundi fritto è abbinato al burro di pomodoro del bush e gazpacho.

I ristoranti più tipicamente australiani del Queensland

Tukka, Brisbane

L'orto del Tukka produce gran parte degli ingredienti autoctoni usati dal capocuoco e abile orticoltore Bryant Wells, il cui gustoso piatto di selvaggina, frutti, noci, bacche e salse è un chiaro invito ad assaggiare l'Australia. Le carni sfiorano l'esotico, dal barramundi dell'Australia Occidentale all'opossum della Tasmania, dal canguro del Queensland al coccodrillo di Cairns.

Il menù di degustazione del Tukka è una vetrina del meglio degli ingredienti australiani autoctoni di qualità:

- Coccodrillo di Cairns alla lavanda con insalata di melone, cetriolini sottaceto ed emulsione di lime e peperoncino
- Canguro del Queensland abbrustolito, albicocche arrosto, zucchine al burro e succo di prugna di Davidson
- Filetto di emù di Marburg, purea di patate dolci e fagioli Tonka e pera nashi brasata al sidro