La BIG Pacific Coast Touring Route

La BIG Pacific Coast Touring Route

Sydney - Coffs Harbour - Byron Bay – Brisbane – Rockhampton – Cairns
14 giorni in auto

L’Australia è il paese delle “Big Things” che potrete notare durante un viaggio on the road. Sulla spettacolare Pacific Coast Touring Route che si estende da Sydney a Cairns ci sono sculture gigantesche che ritraggono gamberi,ananas, animali del luogo e addirittura il leggendario fuorilegge Ned Kelly. Attraversate la sconfinata Hunter Valley, la Byron Bay intitolata al nonno del poeta Lord Byron, la splendida Gold Coast e le meraviglie della Fraser Island e della Grande barriera cristallina, Patrimonio dell’Umanità. Sul vostro tragitto incapperete in altri giganteschi monumenti: la Big Banana, un gigantesco stivale di gomma, un pellicano erculeo e molti altri.

Da Sydney alla Central Coast
Da Sydney alla Central Coast

1° giorno – Da Sydney alla Central Coast

Lasciatevi alle spalle i verdeggianti sobborghi di Sydney verso la rilassante Central Coast e le sue spiagge. Visitate Woy Woy ed Ettalong Beach, perfetta per le famiglie e comodo passaggio per i parchi nazionali di Bouddi e di Brisbane Water. Seguite i sentieri escursionistici per ammirare l’antica arte rupestre aborigena. Più a nord incontrerete il rilassato paradiso dei surfisti, Avoca Beach e Terrigal, dove potrete dedicarvi alla pesca o testare la fama dei ristoranti emergenti. Godetevi il piacere di camminare a piedi nudi sulla sabbia nella Bateau Bay o Towoon Bay, con un entroterra ricco di fauna. Entrambe le baie sono vicine a The Entrance, una popolare località di villeggiatura. Provate lo sci d’acqua sul Tuggerah Lake, a due passi dalla città oppure fate surf, nuotate o pescate sulle spiagge situate davanti ad essa. Quando avrete finito le vostre esplorazioni, pernottate in una delle città della Central Coast. Potete scegliere tra alloggi in alberghi di lusso e case, bed & breakfast, campeggi e aree per camper.

Dalla Central Cost alla Hunter Valley
Dalla Central Cost alla Hunter Valley

2° giorno - Dalla Central Cost alla Hunter Valley

Guidate attraverso Newcastle e fermatevi per conoscere il Big Mosquito (“mozzie” in slang australiano) sulla Old Maitland Road. Provate a fare surf a Nobby’s Beach, nuotate a Bar Beach, andate in deltaplano a Dixon Park o esplorate durante una sessione di immersioni subacquee i tanti relitti attorno al porto di Newcastle. Mangiate un boccone o prendete un caffè a Queens Wharf prima di raggiungere la Hunter Valley. Qui potete scegliere tra 120 aziende vinicole, non potete sbagliarviperchè incapperente in una gigantesca bottiglia di vino a Pokolbin. Il collo forma un camino per il fuoco acceso che brucia al suo interno. Acquistate i vini direttamente dalle aziende vinicole situate tra le verdeggianti colline di Lovedale o assaggiate vini caserecci nel placido villaggio di Broke. Se cercate l’avventura provate a volare con un deltaplano biposto, fate delle escursioni nel bosco dello Yengo National Park o provate la mongolfiera sorvolando le vigne. Trascorrete la notte in una piccola ed elegante guesthouse a Lovedale, Cessnock o nella storica cittadina di Wollombi.

Da Hunter Valley a Port Stephens
Da Hunter Valley a Port Stephens

3° giorno – Da Hunter Valley a Port Stephens

Deviate verso l’entroterra per ammirare la più grande meridiana del mondo a Singleton e il Big Blue Heeler a Muswellbrook.
Oppure dirigetevi direttamente a nord per raggiungere Port Stephens, un paradiso vacanziero con ventisei spiagge e una penisola montuosa circondata dalla foresta pluviale. Proseguite per il faro di Nelson Head o raggiungete la cima di Tomaree Headland nel Tomaree National Park. Entrambe le destinazioni offrono delle vedute panoramiche sulla baia. A bordo di un’imbarcazione provate ad avvistare i delfini oppure immergetevi con il boccaglio in compagnia di pesci colorati e vivaci a Fly Point. Attraversate le immense dune di sabbia di Stockton Beach in fuoristrada o in quad o raggiungete Tea Gardens in traghetto. Vicino, incontrerete delle incantevoli spiagge sull’oceano e il Myall River, eccellente per la pesca. Pernottate nella tranquilla Anna o a Fingal Bay o godetevi il puro relax in stile marinaro a pochi minuti dal porto di Nelson Bay.

Da Port Stephens a Coffs Harbour
Da Port Stephens a Coffs Harbour

4° giorno - Da Port Stephens a Coffs Harbour

Da Port Stephens prendete la lunga deviazione verso l’interno, che merita di essere fatta, per raggiungere il Barrington Tops National Park, una regione selvaggia dichiarata Patrimonio dell’Umanità, composta da una foresta pluviale subtropicale e da vulcani spenti. Fiumi da percorrere in canoa, sentieri montani da far a cavallo, appostamenti per il birdwatching, percorsi escursionistici. Se volete prolungare il vostro soggiorno di una o più notti in un rifugio con centro benessere o in una baita solitaria. Continuate, altrimenti, il viaggio in autostrada con delle bellissime deviazioni lungo la costa. Andate a pescare o divertitevi con immersioni subacquee a Seal Rocks, godetevi le spiagge di Forster e visitate le maestose Ellenborough Falls vicino a Taree. Ammirate la fiera Big Axe a Kew e andate in cammello lungo Lighthouse Beach a Port Macquarie. Fate immersioni, snorkeling o pesca in alto mare dalle South West Rocks e rilassatevi sulle spiagge poco affollate di Nambucca Heads. Proseguite per Coffs Arbour e non perdetevi la Big Banana per la quale il traffico si ferma dal lontano 1964. In questa piacevole città costiera è stato scoperto il Big Slurpee (bevanda ghiacciata).

Da Coffs Harbour a Byron Bay
Da Coffs Harbour a Byron Bay

5° giorno - Da Coffs Harbour a Byron Bay

Fate colazione sulla spiaggia prima di esplorare la notevole offerta di attività avventurose sulla Coffs Coast. Esplorate in kayak il Bongil Bongil National Park o fate rafting nel territorio del Nymboida National Park. Pescate o fate immersioni nel Solitary Islands Marine Park. In alternativa, fate una deviazione a sud-ovest fermandovi presso l’ombroso villaggio dall’atmosfera bohémien di Bellingen e passeggiate tra le cascate e la foresta pluviale del Gondwana nel Dorrigo National Park. Più a nord, fermatevi per un caffè nell’elegante cittadina di provincia di Grafton, andate in barca accanto ai delfini nel fiume Clarence oppure fate un giro su un antico treno a vapore attraverso le montagne di Glenreagh. Ricongiungetevi quindi alla Pacific Highway e dirigetevi attraverso la vivace cittadina di Ballina, dove il Big Prawn (grande gambero) pubblicizza l’ottima reputazione della città per il suo pesce fresco. Cavalcate le forti onde a Lennox Head o andate in barca sul Richmond River prima di dirigervi a Byron River per trascorrere la serata.

Da Byron Bay alla Gold Coast
Da Byron Bay alla Gold Coast

6° giorno - Da Byron Bay alla Gold Coast

Non perdetevi l’occasione di una passeggiata da Cape Byron al faro di Byron Bay, uno dei luoghi più a est dell’Australia. L’alba è davvero magica se riuscite ad alzarvi in tempo. Fate attenzione alle balene di Humpback che potete ammirare mentre nuotano tra maggio e novembre. Questa paradisiaca spiaggia per bohémien è il posto ideale per nuotare con i delfini, andare in surf, fare yoga sulla spiaggia o sorvolare il faro con il deltaplano. Caricatevi di prodotti nei mercati biologici, visitate i ristoranti rispettosi dell’ambiente oppure trovate la pace interiore in un rifugio nella foresta pluviale. Un tragitto panoramico di 90 minuti vi conduce da qui alla Gold Coast dove le attrazioni speciali non si limitano solo alle spiagge, agli edifici o ai parchi a tema. Ammirate la Big Golf Ball a Broodbeach, la Big Guitar dello Hard Rock Cafè di Surfer’s Paradise e la Big Pie a Yatala. Pernottate in un appartamento sulla spiaggia a Surfer’s Paradise o in una sistemazione situata nelle zone più interne della regione.

Dalla Gold Coast a Brisbane
Dalla Gold Coast a Brisbane

7° giorno - Dalla Gold Coast a Brisbane

Passate la giornata in spiaggia, buttatevi nello shopping o fatevi conquistare dall’infinita energia della Gold Coast. Cavalcate le impareggiabili onde di Broadbeach, Kirra e Main Beach. Oppure rilassatevi sulle sabbie dorate di Surfer’s Paradise, per poi esplorare i negozi, i caffè e i ristoranti dell'animata Cavill Avenue. Fate snorkeling o immersioni subacquee presso il relitto della Scottish Prince, al largo di Main Beach, o esplorate la barriera corallina artificiale al largo di Narrow Neck. All’interno trovate tre parchi nazionali dichiarati Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO, fra i quali Tamborine Mountain, Springbrook e Lamington. Provate brividi da paura presso i parchi a tema, nuotate con i delfini a Sea World, assistete alle riprese di film al Movie World e cercate di sopravvivere alle altissime onde delle attrazioni del Dreamworld. Dopo esservi divertiti a sufficienza, guidate per un’ora fino alla subtropicale città di Brisbane. Ammirate il Big Paperclip (grande fermacarte) nel West End di Brisbane oppure dirigetevi a ovest nella Lockyear Valley per essere fotografati con il Big Red Elephant (grande elefante rosso).

Da Brisbane a Fraser Island
Da Brisbane a Fraser Island

8° giorno – Da Brisbane a Fraser Island

Imboccate l’autostrada e dirigetevi a nord verso Sunshine Coast, un punto caldo per le Big Things. Ammirate il Big Mower di Beerwah e la Big Pineapple alta 16 metri nella piantagione di ananas di Woombye. Fermatevi a Nambour per la gigantesca noce di Macadamia o ripiegate per la Big Cow a Yandina. Dirigetevi attraverso Noosaville, dove il Grande Pellicano siede soddisfatto vicino al Noosa River. Confrontate la Big Sausage di Mooloolaba con il Big Stubby a Noosa, un luogo di villeggiatura conosciuto soprattutto per le sue eleganti boutique, i bistrot e gli appartamenti sul mare. Osservate un gigantesco Ned Kelly a Maryborough, la cittadina più antica del Queensland prima di arrivare nella città di Harvey Bay per ammirare le balene. A nord di Rainbow Beach, le navi partono per dirigersi alla Fraser Island, la più grande isola sabbiosa del mondo, dichiarata Patrimonio dell’Umanità. Affittate un fuoristrada oppure partecipate a un’escursione per conoscere i laghi dell’interno, la lussureggiante foresta pluviale e le colorate formazioni di sabbia. Potrete prolungare il vostro soggiorno pernottando alcune notti in un resort, uno chalet o in tenda sulla spiaggia.

Da Fraser Island a Bundaberg
Da Fraser Island a Bundaberg

9° giorno – Da Fraser Island a Bundaberg

Attraversate di nuovo il braccio di mare che vi separa dal continente e proseguite in direzione di Bundaberg, storico centro di raccolta della canna da zucchero e portale d’accesso alla parte meridionale della Grande Barriera Corallina. Una Big Rum Bottle (gigantesca bottiglia di rum) si erge fiera all’ingresso della famosa distilleria della città, mentre il vicino Big Barrel (grande barile) dalle dimensioni raddoppiate è un centro per visitatori e interpretativo. Fate un giro tra gli incantevoli edifici coloniali e navigate lungo il fiume Burnett. A soli 15 minuti si trova Mon Repos Beach, dove si riunisce la più vasta popolazione di tartarughe marine del Pacifico meridionale. Le potete ammirare mentre nidificano e covano tra novembre e febbraio. Lontano dalla costa, le isole di Lady Musgrave e Lady Elliot sono perfette per nuotare con il boccaglio o le immersioni subacquee. Le barriere coralline e le grotte sono il rifugio di pesci colorati, tartarughe, vongole giganti, stelle marine, coralli, pesci anemone, anguille, spugne, delfini e una vasta popolazione di mante. Nuotate o pescate a Elliot Heads, fate immersioni da Coral Cove e Innes Park o avvistate i canguri a Woodgate Beach.

Da Bundaberg a Rockhampton
Da Bundaberg a Rockhampton

10° giorno - Da Bundaberg a Rockhampton

Dirigetevi in auto attraverso Miriam Vale, dove un enorme Big Queensland Mud Crab (granchio del fango del Queensland) è arroccato sul tetto di una stazione di servizio. Esplorate la pittoresca località di mare che risale al 1770 e prende il nome dall’anno in cui fu scoperta dal Capitano Cook. Fate una deviazione nell’entroterra, dove potrete passeggiare tra la lussureggiante foresta pluviale del Cania Gorge National Park e meravigliarvi davanti alle antiche formazioni rocciose dei Mystery Craters nell’Eurimbula National Park. La tappa successiva è la verde cittadina di Gladstone, circondata da gole ricoperte da foreste pluviali, laghi e lunghe spiagge bianche che si estendono fino alla Grande Barriera Corallina. Arrivate a Rockhampton, capitale della bistecca dell’Australia dove il Big Bull (grande toro) la rappresenta. Meno rinomato è il Big Dugong (grande dugongo) della città. Dopo aver visto tutte le Big Things, fate snorkeling a Shelving Beach, Monkey Point o Clam Bay o passeggiate nei Giardini botanici. Navigate tra i coralli verso la Great Keppel Island oppure trascorrete delle notti in questi luoghi per godervi il lussureggiante scenario tropicale.

Da Rockhampton a Mackay
Da Rockhampton a Mackay

11° giorno – Da Rockhampton a Mackay

Raggiungete le Capricorn Caves, suggestive grotte scavate a livello della superficie in un rilievo di pietra calcarea. Dirigetevi a nord passando Kinka Beach e the Big Whale. Sostate brevemente nell’affascinante villaggio tropicale di Yeppoon, porta di accesso alla Capricorn Coast e al Byfield National Park. Qui potrete fare birdwatching, passeggiare nella foresta pluviale e pescare in spiaggia. Fermatevi nella cittadina di Sarina per ammirare il Big Cane Toad (grande rospo marino) prima di proseguire per la tranquilla Mackay. Pranzate nel pittoresco porticciolo e passeggiate davanti agli edifici storici della città. Rinfrescatevi sulle spiagge vuote della città o lungo il litorale del Cape Hillsborough National Park. Potrete più facilmente diventare amici di opossum, canguri, otarde australiane ed echidna che delle poche persone in cui vi imbatterete. Se avete tempo, potete fare escursioni di un giorno a Carlisle Islands nelle Whitsundays meridionali. Oppure, maschera e pinne, esplorate il relitto della Llewellyn vicino alla disabitata Scawfell Island.

Da Mackay a Townsville
Da Mackay a Townsville

12° giorno – Da Mackay a Townsville

Deviate verso ovest in direzione dell’Eungella National Park. Tornati sulla costa, attraversate Proserpine e Airlie Beach, entrambi punti di accesso per le Isole Whitsundays. Navigate sulle acque incontaminate o esplorate alcune delle 74 isole ricoperte di palme con una barca a vela presa a nolo. Non perdetevi Whitsunday Island e le sabbie bianche di silice di Whitehaven Beach. Fate un eco-safari in acquascooter, a bordo di un idrovolante o in elicottero sorvolando le isole e i coralli. Osservate i kayak vicino ai delfini, dugonghi e rare tartarughe verdi. Risalite la costa verso Bowen, dove il Big Mango segnala l’inizio della tipica regione dei frutti tropicali. Lo scenario da ammirare offre lussureggianti alberi di mango e verdi piantagioni di canna da zucchero, fino a giungere a Townsville. Date un’occhiata al Big Brolda, un uccello nativo australiano, al limite sud di Townsville. Passeggiate lungo lo scenografico lungomare, respirate la calda aria serale e prendete un catamarano fino alle spiagge e ai parchi nazionali di Magnetic Island.

Da Townsville a Cairns
Da Townsville a Cairns

13° giorno – Da Townsville a Cairns

Conosciuta come la Great Green Way, questo percorso di 350 chilometri, vi condurrà attraverso 12 parchi nazionali e oltre 20 isole tropicali. Scegliete un tragitto secondario e passate attraverso il museo vivente di Charles Towers, deviate per Paluma National Park o esplorate le paludi di Tyto Wetlands vicino a Ingham. Fermatevi per ammirare il Big Crab a Cardwell e visitate le Wallaman Falls, le cascate a salto singolo più alte d’Australia. Ammirate il tempio cinese e gli edifici art deco a Innisfail e il Golden Gum Boot a Tully. Il gigantesco e dorato stivale di gomma di Tully vuole immortalare la caratteristica della città, la più piovosa d’Australia. Esplorate Hinchinbrook Island, il parco nazionale sull’isola più grande dell’Australia o ammirate il Big Cassowary che troneggia sui turisti lungo Mission Beach. Proseguite per Cairns, dove il Big Marlin vi offre il benvenuto sulla Marlin Coast. Un’escursione assolutamente da non perdere è quella della foresta pluviale di Daintree, che fa parte del Patrimonio dell’umanità dell’UNESCO. In compagnia di una ricca varietà di piante e animali, questa foresta millenaria ospita il Big Barramundi e la Big Crocodile Head.

Altri itinerari suggeriti in Australia