L’incontaminata costa occidentale della Tasmania

L’incontaminata costa occidentale della Tasmania

La costa occidentale della Tasmania è sinonimo per antonomasia di avventura senza fine. Scegliete la cittadina di pescatori di Strahan, praticamente alla fine del mondo, come scenografica base di partenza. Navigate in kayak o crociera lungo il placido fiume Gordon o fate rafting sull’impetuoso Franklin. Passeggiate tra pini Huon di mille anni in una delle ultime foreste pluviali temperate rimaste sulla Terra. Sorvolate queste zone incontaminate in elicottero, salite a bordo di uno storico treno a Queenstown o attraversate in barca a vela la baia Macquarie. Questa regione vanta inoltre una ricca e profonda storia, scritta dai detenuti deportati, dai pionieri, dai taglialegna, dai minatori e, più di recente, dagli ambientalisti.

Strahan, posta sull’ampia baia Macquarie, dista 3 ore d’auto da Devonport e 4,5 ore da Hobart. È il principale punto d’accesso al Franklin-Gordon Wild Rivers National Park, iscritto tra i Patrimoni dell'umanità, dove i tumultuosi fiumi Franklin e Collingwood scorrono tra le rocce della foresta pluviale e si fondono dando vita al fiume Gordon.
Per un’avventura davvero indimenticabile partecipate a un tour di rafting sul fiume Franklin. Solcherete le acque tra rapide e formazioni rocciose, profonde vallate e scarpate luccicanti ricoperte di muschio. La parte sud della traversata è più tranquilla, quando il Franklin si calma tuffandosi nella parte bassa dei fiumi Picton e Huon.

Ammirate il panorama a un ritmo più lento a bordo di una crociera sul fiume Gordon. Da Strahan scivolate negli angoli più estremi di Macquarie Harbour ed esplorate le rovine di Sarah Island, il più antico insediamento penitenziario della Tasmania. Capirete perché i deportati detenuti in questo luogo brullo e minaccioso ribattezzarono l’ingresso del porto "Hell’s Gates" (le porte dell’inferno). Navigate lungo il Gordon nella fitta foresta pluviale temperata, facendo tappa per passeggiare tra i torreggianti antichi pini Huon, in passato utilizzati come fonte di legname per l’industria navale. La vostra guida vi racconterà delle proteste organizzate tra il 1982 e 1983 per evitare la costruzione di una diga permanente sul fiume Franklin. Tornate a Strahan o prolungate il soggiorno con una gita in kayak da Heritage Landing. Remate controcorrente sulle acque scure ma placide della parte bassa del fiume Gordon, avvistando ornitorinchi e uccelli acquatici e facendo sosta per un picnic su una delle spiagge del fiume.

Non vi basta? Attraversate in barca a vela Macquarie Harbour o sorvolate in elicottero il vasto e misterioso territorio. Sfrecciate nella montagna da Strahan a Queenstown sul treno a vapore originale che trasportava il rame dai giacimenti di Queenstown. Fate tappa in alcune delle antiche stazioni e scoprite la storia mineraria della regione con le guide locali.

Sgranchitevi le gambe passeggiando nel Franklin-Gordon Wild Rivers National Park. Seguite il breve Franklin River Nature Trail sulle rive del fiume, ricoperte dalla foresta pluviale, o ammirate maestosi paesaggi dal punto panoramico Donaghy’s Lookout. Gli escursionisti di grande esperienza e ben preparati potranno anche cimentarsi nell’ardua passeggiata di 3-5 giorni fino alla vetta di Frenchmans Cap. In alternativa, immergetevi nella natura con un’avventura in fuoristrada che prevede gite in barca a vela e kayak e pernottamento in campeggio.

Da Strahan potete anche scendere in motoscafo lungo il fiume King e zigzagare in fuoristrada sulle dune di sabbia Henty a Ocean Beach. Visitate la zona di riforestazione di Teepookana Plateau, dove tronchi e rami di pini Huon sono recuperati e ripiantati. Ammirate le Montezuma Falls, le cascate più alte di Tasmania, vicino a Roseberry, dal ponte mobile. Fate un picnic vicino al lago Burbury, suggestivo bacino idrico artificiale contornato da montagne e foreste iscritte tra i Patrimoni dell’umanità.

Sulla struggente e incontaminata costa ovest della Tasmania potrete scegliere l’avventura che più vi stimola.

Altri itinerari suggeriti in Australia